Da più di trentacinquemila anni il cane è compagno dell’uomo. Attraverso la domesticazione, il cane
è entrato a far parte del contesto sociale umano, ed ora sotto molti aspetti è completamente
dipendente da noi. Ciò rende l’uomo fortemente responsabile del benessere del cane.
In particolare, durante l’addestramento, è di primaria importanza, porre attenzione alla salute sia
fisica che psichica del cane. Principio fondamentale quindi è quello di avere nei suoi confronti un
atteggiamento non violento, rispettoso dell’animale e adeguato alla sua specie. È scontato che il
cane debba ricevere cibo e acqua a sufficienza, e che ci si occupi della sua salute, sottoponendolo a
regolari vaccinazioni e controlli veterinari. È inoltre assolutamente necessario garantire al cane
regolari contatti sociali con l’uomo, e la possibilità̀di sfogare a sufficienza il suo naturale bisogno di
attività sia mentale che fisica.
Nel corso della storia, il cane ha avuto svariati compiti, nello svolgimento dei quali, oggi viene nella
maggior parte dei casi, sostituito dalla tecnologia. È quindi ora compito e responsabilità del
proprietario conduttore, dare la possibilità al cane di svolgere attività e movimento conformi alle
proprie attitudini, a stretto contatto con esseri umani. A questo scopo sono molto adatte la prova
di accompagnamento (BH), le prova di IGP, e prove di pista e di ricerca. Il cane dovrebbe avere la
possibilità di essere impiegato ed impegnato in attività adeguate alle sue qualità naturali e alle sue
potenzialità. Sono necessari oltre ad un sufficiente movimento, anche una attività intensa che tenga
conto delle capacità di apprendere, e delle attitudini di ogni singolo soggetto: i diversi tipi di attività
sportive cinofile sono ideali a questo scopo.
Cani non sufficientemente impegnati in attività adeguate, possono creare problemi nella società. Le
persone che addestrano il loro cane, o che si dedicano con esso, ad uno sport cinofilo, devono
sottoporsi ad un’accurata formazione, al fine di ottenere una collaborazione uomo/cane più
armonica possibile.
Lo scopo di qualsiasi tipo di addestramento è quello di insegnare ad ogni cane cose che lui sia in
grado di fare.
L’armonia fra uomo e cane, indipendentemente dal tipo di attività cinofila praticata, è il primo
traguardo da raggiungere. Si può arrivare a tale armonia solo se ci si riesce ad immedesimare nella
mente del proprio cane, imparando a conoscere le sue doti e le sue qualità naturali.
L’uomo ha l’obbligo etico di educare ed addestrare a sufficienza il proprio cane. I metodi che devono
essere utilizzati, devono fondarsi su conoscenze sicure, basate su studi di etologia e di cinologia.
Per ottenere gli obiettivi di educazione, addestramento, o allenamento che ci si prefigge, deve
essere impiegato un metodo non violento e positivo per il cane. Strumenti di educazione,
addestramento o allenamento non specie compatibili non sono ammessi (in conformità con le
norme a tutela del benessere animale).
L’impiego del cane nello sport, si deve basare sulle sue qualità naturali, sulle sue potenzialità, e sulla
sua disponibilità; non è ammesso influenzare le naturali prestazioni del cane con medicinali o
strumenti non adeguati.
L’uomo ha l’obbligo di conoscere a fondo le attitudini del proprio cane: chiedere al cane prestazioni
che non può dare non è eticamente accettabile.
Un cinofilo responsabile parteciperà a prove, gare ed allenamenti solo con cani sani e in adeguata
forma psicofisica.

WhatsApp chat

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi